Christophe Jeanblanc

Intagliatore, scultore, vetraio
Città: Saint-Paul de Vence

JEANBLANC - Portrait médaillon

Cliccare sulle immagini per fare scorrere la galleria fotografica.

CHRISTOPHE JEANBLANC – L’arte di comunicare con la pietra

Originario dei Vosgi, Christophe Jeanblanc dimostra di avere una sensibilità precoce per il disegno. Frequenta una scuola per intagliatori e si specializza nell'incisione. Oggi, l'artista trasmette le sue conoscenze come insegnante; per quindici anni lo ha fatto a Saint Paul de Vence, un periodo per lui molto gratificante. Non esita inoltre a farsi coinvolgere in svariate attività di beneficenza.

Un giorno vede passare un uomo che si allena per una corsa; scolpirà per lui un'automobile a grandezza naturale. Il suo primo cliente si chiama Schumacher. Le porte si aprono, riceve diversi incarichi, soprattutto per il Gran Premio di Monaco.
Assieme alla sua compagna, che gestisce un Bed & Breakfast, organizzano mostre e laboratori di scoperta. Il Palais Nikaia, la Fiera di Nizza e l'Hotel Métropole di Monaco ospitano le sue opere, ispirate ai suoi grandi modelli: Rodin, Claudel…nient'altro.

L'artista intaglia direttamente nella pietra, guidato dalla sua sensibilità. È importante, tuttavia, concedersi il tempo necessario per dare vita a un'opera d'arte. Grande osservatore del genere umano e della natura, la sua fonte d'ispirazione è il mondo intero. Aderisce rapidamente alla filosofia NAMAKA e si dedica a un'opera in cui la candela benessere si fa scultura. "La scultura è una terapia.  Ci permette di farci del bene, di stare bene con noi stessi. Piacere di creare, creazione di piacere". 

Christophe Jeanblanc e NAMAKA : un tuffo nella luce

La pietra come metafora della vita. Elemento vivo e naturale, la pietra è il ritratto dell'uomo: a volte aspra e ruvida come la giovinezza, a volte lucida e liscia come la maturità. Per Christophe Jeanblanc il piacere dell’opera risiede nel tatto.  Senza sovrastrutture, solo sensazioni immediate. Le prime opere profumate dell'artista per NAMAKA esaltano l'immaginazione e il tatto.