Jean-Claude Novaro

Maestro vetraio
Città: Biot, 1943 - 2014

NOVARO - portrait médaillon

Cliccare sulle immagini per fare scorrere la galleria fotografica.

JEAN-CLAUDE NOVARO – "Una fiamma perpetua nel cuore della notte"

Sul maestro vetraio Jean-Claude Novaro, la critica internazionale è unanime: lo considera "senza dubbio uno dei pochi veri grandi creatori di questa metà del XX secolo", paragonandolo a Daum, Gallé, Marinot o Lalique. Novaro entra oggi di diritto nel Pantheon ristretto dei più importanti maestri vetrai al mondo. Più di 200 mostre in tutto il mondo nel corso degli ultimi 30 anni sono l'espressione della fama ineguagliabile dell'artista.

Se ne è andato una sera di dicembre del 2014, poco prima dei festeggiamenti per il nuovo anno, lasciandoci perplessi e orfani di fronte al grande vuoto creato dalla sua assenza. "Nano" era nostro amico. Uomo di cuore e di convinzioni.
Sempre appassionato, si lanciava con generosità rara in nuove avventure artistiche e umane, ovunque si richiedesse la sua presenza.

È con questa spontaneità che accetta, nel 2012, di partecipare all'avventura Namaka. Aderisce alla filosofia che celebra il connubio di arte e profumo in un'alchimia complessa, attraverso una gamma di vasi profumati colorati, di vetro spesso e opalescente, legati all'aria o all'acqua, creati appositamente per noi. È attratto principalmente da questo progetto di squadra e dall'idea di unire diversi talenti artistici per creare opere d'arte olfattive e senza tempo.

Nato nel sud della Francia nel 1943, debutta a 14 anni quando entra nella vetreria di Eloi Monod, diventandone ben presto l'erede spirituale. A 20 anni si impone come maestro vetraio e dirige una squadra di ventotto persone. Artista fecondo, alla costante ricerca dell'innovazione, svilupperà senza sosta nuove tecniche, inventerà innumerevoli generi artistici legati al vetro, moltiplicherà forme e dimensioni e cercherà i migliori punti di fusione con aggiunte di colore e inclusioni in strati intermedi di ossidi, smalti, oro e argento. È il padre del "verre bullé", una tecnica delicata e rischiosa che consiste nell'inclusione nel vetro di bolle colorate luminescenti che perfeziona nel corso del tempo, uno dei successi più significativi di questi ultimi anni.

Il nostro amico Nano ci ha lasciato in silenzio una notte di dicembre, ma la fiamma del suo ricordo rivive attraverso le sue opere e continuerà ad illuminarci perpetuando un savoir-faire millenario e un talento ormai immortale!